Introduzione sezioneDocumento di Programmazione Economico – Finanziaria - DPEF

Documento di Programmazione Economico – Finanziaria - DPEF

Il Documento di Programmazione Economico-Finanziaria - DPEF, istituito dalla L. 23 Agosto 1988 n. 362, che ha modificato l'art. 3 della L. 5 Agosto 1978 n. 468, definisce il quadro macroeconomico tendenziale e programmatico di medio periodo e la manovra di finanza pubblica necessaria al conseguimento degli obiettivi fissati dal Governo per il periodo compreso nel bilancio pluriennale. Risponde alla finalità di coordinare gli organi istituzionali preposti alla programmazione, indicando gli obiettivi macroeconomici e di finanza pubblica anche con riferimento agli aspetti territoriali, con particolare riguardo al Mezzogiorno, individuando le politiche relative allo sviluppo del reddito e dell'occupazione e al riequilibrio dei conti pubblici.
Il DPEF è presentato dal Governo al Parlamento entro il 15 maggio ed approvato con apposite Risoluzioni dalla Camera e dal Senato. Nell'ambito dei criteri e dei parametri fissati dalle Risoluzioni il Governo redige il disegno di legge di bilancio e il disegno di legge finanziaria. Il DPEF tradizionalmente riguarda il periodo compreso nel bilancio pluriennale (tre anni). Nel periodo più recente, in coincidenza con l'insediamento del Governo, il DPEF ha coperto l’arco temporale dell'intera legislatura. Ove i presupposti macroeconomici e di finanza pubblica in base ai quali è stato elaborato il DPEF risultino significativamente mutati nel momento in cui si presentano la manovra finanziaria e i nuovi documenti programmatici che la descrivono (segnatamente, la Relazione Previsionale e Programmatica e il Programma di Stabilità), il Governo è tenuto a presentare una Nota di Aggiornamento al DPEF, come previsto dall’ art. 3 comma 4-bis della L. 5 agosto 1978 n. 468 e dal Regolamento della Camera dei Deputati (Capo XXVII, art. 118-bis, comma 4) approvato il 18 febbraio 1971, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 1° marzo 1971 e successivamente modificato (24 settembre 1997). In alcuni anni il DPEF è stato accompagnato da Allegati di settore e corredato da una Sintesi.

Con la L. 25 giugno 1999, n. 208, il DPEF ha subito alcune modifiche: le previsioni tendenziali dei flussi di entrata e di spesa delle pubbliche amministrazioni devono essere indicate non più secondo il criterio delle “politiche invariate” ma a “legislazione vigente”, cioè tenendo conto esclusivamente delle norme vigenti al momento della elaborazione del documento e si fa riferimento al conto consolidato delle pubbliche amministrazioni e non più al settore pubblico allargato. Inoltre, i termini di presentazione vengono posticipati dal 15 maggio al 30 giugno.

Il DPEF è stato pubblicato dal 1988 al 2009. Con l’entrata in vigore della L. 31 Dicembre 2009 n. 196, nel 2010 il DPEF è stato sostituto dalla Decisione di Finanza Pubblica - DFP.

Contenuti correlati