Introduzione sezioneUcraina/Russia

Ucraina/Russia

<< Torna all’elenco dei Paesi attualmente sottoposti a sanzioni finanziarie

 

Le misure sanzionatorie nei confronti dell'Ucraina/Russia

L’Unione Europea, con la decisione n. 2014/119/PESC e il connesso regolamento (UE) 208/2014 ha disposto, salvo deroghe specifiche, il congelamento di tutti i fondi e le risorse economiche appartenenti, posseduti, detenuti o controllati da persone identificate come responsabili dell'appropriazione indebita di fondi statali ucraini e dalle persone responsabili di violazioni di diritti umani in Ucraina, e da persone fisiche o giuridiche, entità od organismi a essi associate, elencati in un elenco allegato a tali atti.

Con la decisione del Consiglio 2014/145/PESC e il connesso regolamento (UE) n. 269/2014 è stato disposto, attraverso il loro listing, il divieto d’ingresso e il congelamento dei beni di personalità russe e crimeane responsabili di aver messo a repentaglio la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Le liste di cui al regolamento (UE) n. 269/2014 sono state più volte integrate.

Successivamente il Consiglio ha adottato sanzioni economiche settoriali, le quali hanno avuto in un primo momento un’applicazione territorialmente limitata. In particolare con la decisione 2014/386/PESC e il connesso regolamento 692/2014 è stata vietata l’importazione di merci provenienti dalla Crimea o da Sebastopoli. In seguito, in particolare, con il regolamento (UE) n. 825/2014 tale divieto è stato esteso ai nuovi investimenti e alla vendita, fornitura e trasferimento di attrezzature e tecnologie nei settori delle infrastrutture, dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell’energia, nonché per lo sfruttamento di petrolio, gas e minerali.

La persistente attività di sostegno di Mosca ai separatisti armati delle provincie orientali ucraine ha poi reso inevitabile l’adozione di sanzioni economiche settoriali nei confronti della Federazione Russa. Così, la decisione 2014/512/PESC e il regolamento n. 833/2014 (così come successivamente modificati e integrati) hanno imposto: (i) restrizioni finanziarie (divieto a persone fisiche e giuridiche dell’UE di investire in bonds, azioni o strumenti finanziari analoghi delle principali istituzioni finanziarie russe, nonché di alcune società energetiche e della difesa); (ii) divieti riguardanti il settore degli armamenti (embargo al commercio di tutti gli armamenti); (iii) divieto di esportare qualsiasi bene a duplice uso a un utilizzatore finale militare o per uso militare; (iv) per l’alta tecnologia (divieto di fornire servizi o tecnologie per l’esplorazione e produzione petrolifera in acque profonde, nell’Artico o per il petrolio di scisto, con esclusione dei progetti relativi al settore del Gas).

 

NORMATIVA UNIONE EUROPEA

 

Ucraina

Decisione 5 marzo 2014, n. 2014/119/PESC del Consiglio relativa a misure restrittive nei confronti di talune persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Ucraina.

Modificata o attuata da altre decisioni, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014D0119&qid=1436951097870

 

Regolamento (UE) 5 marzo 2014, n. 208/2014 del Consiglio concernente misure restrittive nei confronti di talune persone, entità e organismi in considerazione della situazione in Ucraina.

Modificato o attuato da altri regolamenti, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014R0208&qid=1436263912705

 

Decisione 2014/145/PESC del Consiglio del 17 marzo 2014 concernente misure restrittive relative ad azioni che compromettono o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina.

Modificata o attuata da altre decisioni, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014D0145&qid=1436951143520

 

Regolamento (UE) 17 marzo 2014, n. 269/2014 del Consiglio concernente misure restrittive relative ad azioni che compromettono o minacciano l'integrità territoriale, la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina

Modificato o attuato da altri regolamenti, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014R0269&qid=1436950984462

 

 

Crimea e Sebastopoli

Decisione 23 giugno 2014, n. 2014/386/PESC del Consiglio concernente restrizioni sulle importazioni nell’Unione di merci originarie della Crimea o Sebastopoli, in risposta all’annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli.

Modificata o attuata da altre decisioni, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014D0386&qid=1436951183800

 

Regolamento (UE) 23 giugno 2014, n. 692/2014 del Consiglio concernente restrizioni sulle importazioni nell’Unione di merci originarie della Crimea o Sebastopoli, in risposta all’annessione illegale della Crimea e di Sebastopoli.

Modificato o attuato da altri regolamenti, consultabili selezionando il link sotto riportato:

http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014R0692&qid=1436951018879

 

 

Russia

Decisione 2014/512/PESC DEL CONSIGLIO del 31 luglio 2014 concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina.

Modificata o attuata da altre decisioni, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014D0512&qid=1436951220926

 

Regolamento (UE) 31 luglio 2014, n. 833/2014 del Consiglio concernente misure restrittive in considerazione delle azioni della Russia che destabilizzano la situazione in Ucraina.

Modificato o attuato da altri regolamenti, consultabili selezionando il link sotto riportato:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/LKD/?uri=CELEX:32014R0833&qid=1436264074817

Contenuti correlati