Menu secondario
Contenuto pagina

La monetazione in Lire

A seguito del referendum del 2 giugno 1946 che sanciva la nuova forma istituzionale del Paese, il capo provvisorio della Repubblica, Enrico de Nicola firmò il decreto, 6 settembre 1946, con il quale autorizzava la Zecca di Stato a fabbricare ed emettere monete metalliche del valore di £ 10, £ 5, £ 2, £ 1 in italma, lega leggera composta da alluminio, magnesio e manganese; il 21 dicembre 1946 venne fissato il corso legale delle nuove monete.

Furono i simboli della pace e della ricostruzione civile, morale ed economica del Paese ad ispirare l'artista Giuseppe Romagnoli e l'incisore Pietro Giampaoli per la realizzazione della prima serie di monete: infatti furono rappresentati   il Pegaso,  il ramoscello d'ulivo, il contadino che ara, la personificazione della Repubblica con la fiaccola della libertà.

I DD.MM. del 1953 e del 1954 decretarono  la cessazione del loro corso legale e autorizzarono la sostituzione con monete di nuovo conio.

Terminata, nel 1951, la fase di progettazione delle nuove monete ebbe inizio la coniazione delle monete da £ 1, £ 5 e £ 10 . Giuseppe Romagnoli realizzò le monete emesse dal  1953 al 1957 e precisamente quelle  da 2 lire, da 50 e 100 lire in acmonital e quella da 20 lire in bronzital.

Sempre nel 1957 fu emessa la moneta da 500 lire in argento; le due facce della moneta furono eseguite, per il dritto che rappresentava una testa di donna contornata dagli stemmi di tutte le regioni d'Italia, dall' incisore Pietro Giampaoli e,  per il rovescio che raffigurava l’ immagine delle tre caravelle di Cristoforo Colombo, dallo scultore Guido Veroi.

Nel 1959, a causa dell'inflazione, venne sospesa la coniazione delle monete da 1 e 2 lire e, nel 1967,  anche quella delle monete da 500 lire in argento, in quanto l’aumento del prezzo del metallo prezioso favoriva la loro tesaurizzazione.

Successivamente, nel 1976, su disegni di Mario Vallucci, venne autorizzata l'emissione della moneta da 200 lire in bronzital a cui seguì, nel 1982  la prima moneta bimetallica emessa nel taglio da 500 e  formata da una corona esterna in acmonital e un nucleo centrale in bronzital.  La sua creazione  si deve a Laura Cretara che ha realizzato anche i modelli delle monete da 100 e 50 lire,  rispettivamente del 1993 e del 1996,  in sostituzione delle monete cosiddette “micro” coniate, con diametro ridotto, nel 1989 su disegno del Romagnoli.

Su modelli di Uliana Pernazza è stata realizzata, nel 1997, l’ultima emissione della monetazione in lire nel taglio da 1.000 bimetallica con la corona esterna in bronzital e il nucleo interno in cupronichel.

Per quanto riguarda le emissioni numismatiche, le monete d’argento da 500 lire, celebrative del centenario dell’unità d’Italia, realizzate con le caratteristiche tecniche di quelle correnti, su disegno di Guido Veroi e circolanti  da 1961 al 1963, furono le prime emissioni numismatiche della Repubblica.

Seguì, nel 1965, l’emissione delle monete da 500 lire celebrative del 7° centenario della nascita di Dante Alighieri, opera dello scultore Verginelli.

La legge 18 marzo 1968, n. 309  ha autorizzato la Zecca a fornire, oltre alle monete a circolazione ordinaria, anche monete di speciale fabbricazione e scelta  confezionate in appositi contenitori.

Nacquero così le prime serie millesimali per collezionisti che comprendevano la scala dei tagli ordinari e le vecchie monete da 1 e 2 lire.

Tra le serie in vendita quella che riscosse maggior successo fu quella emessa nel 1970 nella quale era inserita la moneta da 1000 lire celebrativa del  centenario di Roma capitale.

La coniazione delle serie riprese nel 1980, in quanto l’attività della Zecca si concentrò, in quegli anni, sulla produzione delle monete ordinarie in quel momento carenti;  per i numismatici, nel 1974, fu emessa la prima moneta da 500 lire  non inserita in una serie e  con valore intrinseco superiore al valore nominale,  dedicata  alla nascita di Guglielmo Marconi e realizzata da Pietro Giampaoli.

La legge 3 dicembre 1993, n. 500  autorizzò il Tesoro a coniare ed emettere monete celebrative e commemorative anche nei tagli da 1.000, 5.000, 10.000 lire  in argento e 50.000 e 100.000 lire in oro dedicate alle più famose architetture italiane.

Monete Numismatiche in Lire

Sezione servizio

Calendario

Giu 14 Entra nel Calendario di Giugno 2014 Lug 14 Entra nel Calendario di Luglio 2014 Ago 14 Entra nel Calendario di Agosto 2014
L Lunedi M Martedi M Mercoledi G Giovedi V Venerdi S Sabato D Domenica
    1 luglio     2 luglio     3 luglio     4 luglio     5 luglio     6 luglio  
  7 luglio     8 luglio     9 luglio     10 luglio     11 luglio     12 luglio     13 luglio  
  14 luglio     15 luglio     16 luglio     17 luglio     18 luglio     19 luglio     20 luglio  
  21 luglio     22 luglio     23 luglio     24 luglio     25 luglio     26 luglio     27 luglio  
  28 luglio     29 luglio     30 luglio     31 luglio        

Informazioni