Menu secondario
Contenuto pagina

Disposizioni in materia di imposta di bollo su titoli, strumenti e prodotti finanziari

Il bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli inviati dagli intermediari finanziari introdotto dal DL 98/2011 era dovuto in misura fissa e crescente. L’imposta più bassa, applicabile ai depositi di titoli di valore inferiore a 50.000 euro, era stata fissata a 34,20 euro, allo stesso livello applicato alle comunicazioni relative ai conti correnti bancari.
Per i depositi di titoli di valore superiore a 50.000 euro era previsto il seguente incremento della tassazione:

  • per il 2011 e il 2012:
    - 70 euro sui depositi di titoli di valore tra 50.000 euro e 150.000 euro
    - 240 euro sui depositi di titoli di valore tra 150.000 euro e 500.000 euro - 680 euro sui depositi superiori a 500.000 euro;
  • dal 2013:
    - 230 euro sui depositi di titoli di valore tra 50.000 euro e 150.000 euro
    - 780 euro sui depositi di titoli di valore tra 150.000 euro e 500.000 euro
    - 1.100 euro sui depositi superiori a 500.000 euro.

Con la manovra del 4 dicembre 2011 l’imposta di bollo diventa proporzionale con aliquota pari a:
- 1 per mille (0,1%) per il 2012;
- 1,5 per mille (0,15%) dal 2013.

Il nuovo bollo ha un importo minimo pari a € 34,2 e massimo pari a € 1.200. Inoltre, si amplia la base imponibile prevedendo che siano tassati anche i prodotti finanziari non soggetti all’obbligo di deposito (polizze assicurative; unitlinked, indexlinked, vita; fondi comuni; certificati di deposito, buoni postali, gestioni patrimoniali). Sono escluse le comunicazioni relative ai fondi pensione e ai fondi sanitari. Si applica sul valore di mercato o, in mancanza, sul valore nominale o di rimborso degli strumenti oggetto della comunicazione.

L’applicazione dell’imposta di bollo con aliquote proporzionali NON riguarda gli estratti conto bancari, postali e i rendiconti dei libretti di risparmio.
In seguito alle modifiche apportate all’articolo 13, comma 2-bis della Tariffa allegata al D.P.R. 26 ottobre, 1972, n. 642, per tali estratti e rendiconti relativi a rapporti con giacenza media fino a 5.000 euro (quindi anche per i conti in “rosso”) è stata introdotta un’ esenzione totale dall’imposta di bollo se il cliente è persona fisica; se il valore medio di giacenza annuo è superiore a euro 5.000 si continua ad applicare l’ imposta fissa pari a 34,20 euro.
Per i soggetti diversi dalle persone fisiche si applica, invece, un’imposta fissa pari a 100 euro.

Sezione servizio

Calendario

Mag 15 Entra nel Calendario di Maggio 2015 Giu 15 Entra nel Calendario di Giugno 2015 Lug 15 Entra nel Calendario di Luglio 2015
L Lunedi M Martedi M Mercoledi G Giovedi V Venerdi S Sabato D Domenica
  1 giugno     2 giugno     3 giugno     4 giugno     5 giugno     6 giugno     7 giugno  
  8 giugno     9 giugno     10 giugno     11 giugno     12 giugno     13 giugno     14 giugno  
  15 giugno     16 giugno     17 giugno     18 giugno     19 giugno     20 giugno     21 giugno  
  22 giugno     23 giugno     24 giugno     25 giugno     26 giugno     27 giugno     28 giugno  
  29 giugno     30 giugno